Le miniere di Calceranica nei tempi recenti …

Nei primi anni del ‘900 dalla cosiddetta “miniera di solfuro di ferro Andreolle”, si traevano annualmente diverse migliaia di quintali di minerale. Con lo scoppio della I Guerra mondiale le miniere vennero militarizzate dall’esercito austro-ungarico che necessitava dell’acido solforico che si ottiene dalla pirite per produrre esplosivi. All’indomani della conclusione delle ostilità gli scavi minerari ripresero prontamente ad opera dell’azienda Eugenio Efrati che lasciò poi il posto alla Società Anonima Miniere di Calceranica e, a partire del 1929, alla Società Montecatini che li gestì fino alla chiusura avvenuta nel 1964 in seguito all’esaurimento del giacimento di pirite. Nell’ultimo periodo di attività la miniera di Calceranica si dilatò in decine di chilometri di gallerie, pozzi e discenderie che scendevano per centinaia di metri nelle viscere della terra. Da essa centinaia di minatori traevano annualmente decine e decine di migliaia di tonnellate di pirite che venivano inviate con appositi convogli ferroviari a Porto Marghera  ed a Sinigo presso Merano, dove lo zolfo ricavato dalla pirite di Calceranica veniva utilizzato per produrre concimi chimici.DSC_0011.JPG

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...